Chiese campestri a Luogosanto

Chiese campestri a Luogosanto

SAN TRANO EREMITA

Questo gioiello, in parte rupestre, venne realizzato dalla devozione popolare sul luogo in cui gli eremiti Trano e Nicola, vissuti nel IV secolo, erano soliti sostare in solitudine, vivendo di elemosine e rifugiandosi negli anfratti. In effetti la grotta da loro utilizzata è stata inglobata all’interno dell’edificio religioso, costruito probabilmente nel XIII, con lo sfruttamento dei massi granitici circostanti.
Gli ingressi sono due e si aprono sui lati lunghi, mentre le pareti corte sono composte dagli ammassi rocciosi.
Il pavimento è anch’esso in pietra, così come l’altare ed i banconi che lo affiancano. Semplicissima, di modeste dimensioni, è diventata un santuario sempre aperto per accogliere i tantissimi pellegrini e turisti che qui trovano un prezioso momento di serenità spirituale.
Secondo la tradizione, nel 1227 due frati francescani in pellegrinaggio in Terra Santa, furono esortati dalla Vergine Maria alla ricerca delle spoglie dei due eremiti e trovatole, costruirono questa chiesa ed un’altra, dedicata a San Nicola e oggi scomparsa; fondarono anche un convento e realizzarono quella che poi divenne la basilica di Luogosanto, dedicata alla Madonna patrona della Gallura.
La memoria racconta inoltre che il nome del paese “Locis Sanctus“, venne dato dalla presenza appunto di queste due sante figure e delle tante chiese che vi sorsero.
Intorno all’edificio affiorano scarsi resti di fabbricati, che secondo alcuni storici appartenevano alle abitazioni del borgo medievale di Uranno, ma è più probabile che si tratti degli avanzi di un piccolo cenobio, del quale parlava anche padre Vidal, alla metà del Seicento. E’ stato pubblicato un libro sul cosiddetto “Condaghe di Luogosanto“, un documento, vero o presunto, che tratta della leggenda di fondazione delle tre chiese.

 

SAN LEONARDO DI NOBLAT

Santu Linaldu è stata la cappella del piccolo castello medievale di Balaiana, sede dell’omonima Curatoria e forse luogo di villeggiatura dei giudici galluresi, il cui rudere recentemente restaurato, si trova nelle immediate vicinanze, in posizione dominante una vastissima porzione di territorio.
La chiesetta, oggi sconsacrata, risale al XII-XIII secolo ed una datazione di riferimento potrebbe essere un documento del 1146 che riguarda il maniero, distrutto qualche secolo dopo e conseguentemente abbandonato nel 1432.
Che dire di un luogo così: rispetto, raccoglimento, ammirazione. Un dipinto della Madonna invita al silenzio ed in effetti il visitatore vi entra con sincera devozione. L’ambiente è minuscolo, interamente in pietra granitica, anche la pavimentazione e perfino la copertura, realizzata con lastre deposte su due falde e questa tipologia costruttiva è riscontrabile in pochissimi esempi sardi.
L’unica porticina d’ingresso si apre sul fianco sinistro ed alcune piccolissime feritoie, di cui una cruciforme, lasciano penetrare una fioca luce. La cappelletta, che ospita una statuina in terracotta del Santo, si conclude con abside semicircolare; l’interno è voltato a botte ed il tutto è stato di recente restaurato.
Le cronache narrano di un diverbio avvenuto nel 1870 tra il ricco possidente dei terreni della zona e gli abitanti di Luras, che avevano in gestione la chiesa; la lite portò al furto della statua da parte dei luresi, che la collocarono nella chiesa dedicata allo stesso Santo, in agro del proprio Comune.

 

altre chiese di Luogosanto

SANTO STEFANO PRIMO MARTIRE

SAN BIAGIO VESCOVO

CATTEDRA DI SAN PIETRO

NOSTRA SIGNORA DI LORETO

NOSTRA SIGNORA DEL RIMEDIO

SANTISSIMO SALVATORE

SANT’ANDREA

SANTA REPARATA

SAN MARCO EVANGELISTA

NOSTRA SIGNORA DELLA NEVE

SANT’ANTONIO DI PADOVA

SAN PAOLO APOSTOLO

SAN GIORGIO MARTIRE

SAN GIOVANNI BATTISTA

SAN MARTINO DI TOURS

SAN GREGORIO MAGNO

SAN PANCRAZIO

SAN PIETRO DI SURACHE

SAN MICHELE ARCANGELO
NOTA: la chiesa si trova in territorio di Luogosanto e appartiene alla comunità di Luras

  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo
  • associazione gallura turismo

Luogosanto

SAN TRANO EREMITA

La festa
Prima domenica di giugno, preceduta dal vespro
Come si raggiunge
Ben segnalata, si trova ad 1,5 km da Luogosanto

SAN LEONARDO DI NOBLAT

La festa
Un tempo celebrata dagli abitanti di Luras, l’ultima domenica di maggio. Attualmente in parrocchia è officiata una messa il 6 dicembre
Come si raggiunge
Da Luogosanto percorrere 4 km lungo la strada per Arzachena sino alla segnalazione che indica il castello di Balaiana. Una ripida scalinata composta da 425 gradini, porta in cima al colle

<iframe src=”https://www.google.com/maps/embed?pb=!1m18!1m12!1m3!1d12035.947997060783!2d9.205433814841818!3d41.04741339194873!2m3!1f0!2f0!3f0!3m2!1i1024!2i768!4f13.1!3m3!1m2!1s0x12d957b73eef0a27%3A0xc9ebb1e7eef0b111!2sChiesa+di+San+Trano!5e0!3m2!1sit!2sit!4v1525793168046″ width=”600″ height=”450″ frameborder=”0″ style=”border:0″ allowfullscreen></iframe>

SAN TRANO

SAN TRANO

SAN LEONARDO DI NOBLAT

SAN LEONARDO DI NOBLAT

Translate »

#iorestoacasa

Gallura Turismo invita tutti al rispetto delle disposizioni di legge.
Noi tutti, nel frattempo, stiamo organizzando il nostro territorio per la migliore accoglienza e per garantire vacanze serene e di totale benessere.

State con noi, insieme e uniti torneremo ad ABBRACCIARE questa splendida terra per una stagione 2020 UNICA ED INDIMENTICABILE.

lo staff di Gallura Turismo